My GovernanceMYGO - NEWS

Credito d’imposta e onere della prova: ordinanza cassazione n.6947/2014

MY WHISTLEBLOWING è l’innovazione di processo che può far beneficiare l’azienda del credito di imposta ricerca e sviluppo, fino al 50% del costo

Per tutti i settori produttivi sono applicabili gli incentivi previsti l’art.1, commi da 8 a 13 della legge 11 dicembre 2016, n. 232 (cd. super e iper-ammortamento) per le imprese che investono in beni strumentali nuovi, in beni materiali e immateriali (software e sistemi IT) funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi in chiave Industria 4.0.

Approfondimenti: http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/credito-d-imposta-r-s

Credito d’imposta e onere della prova: ordinanza cassazione n.6947/2014
Per la Cassazione non è sufficiente l’indicazione in dichiarazione del credito fiscale ma sul contribuente incombe l’onere della prova concreta.

di Dott. Bertolaso Piero fonte: Fisco e Tasse

Nell’Ordinanza n. 6947 del 25 Marzo 2014 la Corte di cassazione ha stabilito che  incombe sul contribuente, il quale invochi il riconoscimento di un credito d’imposta, l’onere di provare i fatti costitutivi dell’esistenza del medesimo, e, a tal fine, non è sufficiente l’esposizione della pretesa nella dichiarazione, poiché il credito fiscale non nasce da questa, ma dal meccanismo fisiologico di applicazione del tributo.

Approfondimenti: Credito d’imposta: basta l'indicazione in bilancio? Ord. Cass. n. 6947/2014